Tratto da “I primi passi dell’AITeL e del suo bollettino”, di Vincenzo Bozzetti
Scienza e Tecnica Lattiero-Casearia, vol. 69, n° 1, ottobre 2019 (pp. 80-86)

L’idea della costituzione della Associazione Italiana Tecnici del Latte (AITeL) è stata deliberata, come atto finale del Convegno di Tecnica Casearia, tenutosi a Modena il 28 settembre 1948, allorquando i partecipanti (scienziati, tecnici, operatori) hanno formato il comitato promotore incaricato di studiare e abbozzare lo schema dello statuto di fondazione.

Il comitato promotore, forte e autorevole per la presenza delle migliori e maggiori personalità del comparto lattiero caseario nazionale, concretizzava, dopo alcune riunioni, lo Statuto di fondazione che veniva approvato dai Soci Fondatori il successivo 24 maggio 1949, a Modena, con rogito del Notaio Camillo Aggazzotti.

Con l’atto costitutivo veniva eletto con voto unanime un Consiglio Direttivo provvisorio di tre membri e venivano individuate nella ricca personalità del prof. Pericle Parisi le doti tecniche e scientifiche, la dirittura morale e l’entusiasmo per svolgere la funzione di presidente, supportato e coadiuvato dai vicepresidenti: Sig. Pietro Quadri e, dott. Luigi Alberto Zoboli. La neonata associazione aveva anche un obiettivo immediato da raggiungere, ovvero di preparare e organizzare il Primo Congresso dell’Associazione, da tenersi a Modena. Il risultato venne brillantemente conseguito i successivi 27 e 28 settembre 1949, quando si tenne con l’evento congressuale anche l’Assemblea Generale riservata ai Soci, mentre i Non Soci poterono visitare la contemporanea Mostra Nazionale dei Formaggi Italiani. 

Senza ombra di dubbio, la validità dell’Associazione era largamente sentita e comprovata dalle 300 adesioni raccolte in soli quattro mesi. Nel dibattito congressuale veniva accolta la proposta di impegnare l’Associazione nell’“impostare il problema della sperimentazione scientifica e tecnica nell’intero settore lattiero caseario e deve curare che si giunga alla preparazione di maestranze veramente capaci.” L’Associazione era presente nei dibattiti nazionali e il presidente prof. Pericle Parisi non faceva mancare la sua illuminata parola sulle riviste professionali del tempo, imprimendo inoltre un’intensa attività al Consiglio Direttivo AITeL.

Purtroppo nel corso del 1950 il destino giocò le sue carte infauste: in estate morì a Ballabio Egidio Galbani; il 3 settem- bre morì il Maestro Costantino Gorini e il prof. Pericle Parisi gli rese le onoranze funebri a Milano nel corso di una riunione del Comitato organizzatore della Fiera del Latte. Per chiudere al peggio l’anno 1950, il 3 novembre, a soli cinquant’anni, mancò improvvisamente anche l’autorevole e stimato presidente AITeL prof. Pericle Parisi.

Seppur colpita nell’anima, l’Associazione reagì efficacemente: nella seduta consigliare del 15 dicembre 1950, per unanime designazione dei consiglieri, fu eletto presidente il dott. Luigi Alberto Zoboli, nel frattempo nominato direttore reggente dell’Istituto Caseario Zootecnico di Castelnuovo di Mantova e, nel marzo del 1951, maturarono i tempi della rivista Scienza e Tecnica Lattiero Casearia: bollettino dell’Associazione Italiana Tecnici del Latte, la quale raggiunse per la prima volta i suoi lettori.

pdfLeggi l’articolo completo

aitel 

Pin It